April 30, 2019

Please reload

Post recenti

"Coerente" è meglio (anche per gli immobili)

April 10, 2017

1/3
Please reload

Post in evidenza

Separati in casa: anche i muri tremano?

May 31, 2019

Quando ho visto questa foto pubblicata sulla pagina Facebook di Architerror, con questo commento, non ho potuto resistere, mi si sono accesi 1000 flash nella testa.

La facciata di un edificio divisa a metà, a rappresentare un'unione che non c'è più, o forse che non c'è mai stata. Quanta sofferenza, quanto disordine!

 

L'aumento dei divorzi sta determinando un aumento del fenomeno della convivenza, da separati, in casa.

Perchè si vive separati in casa? E cosa può accadere in una casa quando due persone che non si amano più decidono di condividere lo stesso tetto? 

Provo a fare qualche riflessione "delle mie" aggiungendo quindi spunti di riflessione che riguardano la casa, e non solo la persona. 

 

Le ragioni per cui si può vivere separati in casa sono principalmente tre: la mancanza di soldi che permettano di separarsi, il timore di fare soffrire i propri figli  e la difficoltà ad accettare il termine di una relazione.

Le modalità con le quali può avvenire questa convivenza sono due: essa può essere pacifica, nel caso in cui due persone intelligenti si accorgono che l'amore è terminato, ma riescono comunque a dialogare e condividere gli spazi serenamente. Oppure non pacifica, e qui tutto diventa più difficile.

Una cosa è certa, l'atmosfera in casa cambia. 

Ma possono cambiare anche gli spazi, perché può rivelarsi necessario trovare un posto per un letto supplementare, nonché spazi differenti per riporre i vestiti dell'uno e dell'altro, e così via. La casa dunque può subire dei cambiamenti fisici anche importanti. Anche i ritmi e le abitudini ovviamente cambiano.

 

Dunque avvengono in casa una serie di stravolgimenti visibili molto forti. Magari, non così forti da stravolgere una facciata, come nella foto, ma comunque importanti. 

 

Sul piano invisibile invece, cosa può accadere?

 

Beh, certamente, sul piano emozionale, possono crearsi situazioni molto pesanti e difficili da gestire. Sconforto, tensioni, paura, sono emozioni che possono invadere la mente e il corpo delle persone, determinandone un peggioramento della qualità della vita. 

I pensieri, d'altro canto, non aiutano: essi sono condizionati dalle emozioni, e allo stesso tempo condizionano le stesse emozioni, creando un circolo vizioso molto potente, un vortice in discesa.  

Nel mio libro "La vita segreta delle case" (Uno Editori) riprendo la visione di Bruce Lipton relativa all'impatto delle emozioni e dei pensieri sull'ambiente.  Secondo il biologo cellulare, fondatore dell'epigenetica e autore del best seller "La biologia delle credenze" il pensiero e l'emozione, benché ci sembri il contrario, non sono racchiusi nella nostra testa, ma sono emanati verso l'ambiente che ci circonda, che ne viene influenzato. Ecco perchè il titolo "anche i muri tremano". Ovviamente, viene influenzato positivamente se i pensieri sono positivi, e viceversa.

Dunque possiamo immaginare cosa accade alla nostra casa quando facciamo perdurare un rapporto di separazione di quelli "pesanti".

Se l'atmosfera in casa è, appunto, pesante, è proprio perché può esservi qualcosa di noi che sta influendo sullo spazio che ci circonda. Questo qualcosa, invisibile ma potente, può condizionare la capacità di una casa di fare stare bene le persone che vi abitano. Quindi può innescarsi un processo continuo in cui la coppia condiziona l'ambiente e l'ambiente condiziona la coppia. Il tutto, non fa che peggiorare la situazione.

Quali soluzioni? Beh ovviamente non esiste la formula magica, la situazione va valutata caso per caso, con eventuali aiuti esterni. 

Un approccio sicuramente positivo e inclusivo sarebbe  a mio parare quello che consiste nel curare non solo il clima emotivo della coppia, ma anche la qualità dello spazio in cui essa vive, nelle sue componenti non visibili.

Perchè, come diceva il poeta Hafiz, "Le parole che usi diventano la casa in cui abiti". Aggiungerei, oltre alle parole, anche i pensieri e le emozioni.

Per saperne di più, clicca qui.

 

Caterina Locati

 

Fonte foto e citazione: Architerror

Foto: Josè Alfredo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Cerca per tag