April 30, 2019

Please reload

Post recenti

"Coerente" è meglio (anche per gli immobili)

April 10, 2017

1/3
Please reload

Post in evidenza

Quando tutto, per noi, era "animato"

May 8, 2019

Chissà quando abbiamo smesso.

Smesso di parlare col nostro peluche del cuore, col nostro Big Jim o Barbie. Forse quando qualcuno ci ha detto che eravamo troppo grandi per quelle cose. Forse quando qualcuno ci ha detto che era da stupidi... 

Oppure è scattato qualcosa nella nostra mente che, da un momento all'altro, ci ha fatto perdere quel legame magico che avevamo instaurato con i nostri oggetti del cuore. Credo che sia innegabile che provassimo affetto per quegli oggetti inanimati che stavano ad ascoltare le nostre storie, i nostri dialoghi fantasiosi, i nostri pensieri.

Ogni volta che li prendevamo in mano, li coccolavamo, gli raccontavamo qualcosa, stavamo nutrendo un rapporto molto intimo e prezioso. Non ricevevamo risposte udibili dalle nostre orecchie, ma lo facevamo lo stesso.

Perchè? Ecco la mia interpretazione.

Ci faceva stare bene trasferire affetto ad un oggetto.

Ci faceva stare bene immaginare che quell'oggetto fosse capace di comprenderci, e ci desse addirittura delle risposte. Magari, più positive di quella che Lucy riceve dalla sua scuola :-)

Ci faceva stare bene stare a contatto fisico con quell'oggetto.

Ma, da dove arrivava tutta questa positiva alchimia?

Semplice, dall'atteggiamento positivo ed amorevole che noi avevamo verso l'oggetto.

Eravamo in grado, da piccoli, ed in modo assolutamente inconsapevole, di creare legami emozionali anche con le cose inanimate. Ci sentivamo felici nel farlo, era naturale. 

Ma poi, abbiamo perso l'abitudine di farlo.

Certo, se vediamo qualcuno parlare ad un muro gli diamo del pazzo.

Ma chi di noi non ha mai comunicato con la propria auto? Chi di noi non ha incolpato il proprio PC per essersi inchiodato da un momento all'altro? Non abbiamo, anche solo per un momento, pensato che il PC fosse stato in grado di "fare cose"?

Mi piace pensare che non abbiamo perso la capacità di instaurare legami positivi con le cose inanimate, come facevamo un tempo. Mi piace pensare che se re-iniziassimo a relazionarci ad esempio con la nostra casa, alcuni dei suoi oggetti, in modo più "attivo" potremmo riaccedere a quei meravigliosi canali di benessere naturale che usavamo da bambini.

Ma bisogna farlo con la giusta consapevolezza, il giusto atteggiamento.

Ti piacerebbe saperne di più? Ti piacerebbe sapere come, attraverso un rapporto nuovo ed entusiasmante con la tua casa, hai la possibilità di migliorare il tuo benessere profondo?

Puoi leggere il libro "La vita segreta delle case", Uno Editori.

Per scaricare l'estratto gratuito, clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Cerca per tag