April 30, 2019

Please reload

Post recenti

"Coerente" è meglio (anche per gli immobili)

April 10, 2017

1/3
Please reload

Post in evidenza

Le case in cui abbiamo abitato possono condizionare quelle in cui abiteremo

March 28, 2017

 

Mi sono resa conto col tempo di quanto sia utile, per trovare la propria casa ideale, valutare il rapporto con le case abitate in precedenza.
Claudia stava cercando da molti mesi una nuova casa. L’abitazione in cui risiedeva non la faceva stare bene: i vicini erano troppo rumorosi e non riusciva a concedersi i momenti di tranquillità e relax così importanti per il suo benessere.

Quando mi contattò le chiesi quali fossero stati i suoi rapporti con le case in cui era vissuta in precedenza. Aveva vissuto i suoi primi 5 anni in una casa, ed il resto dell’infanzia in un’altra, sempre in famiglia. Poi andò ad abitare da sola.

Quando le domandai che tipo di ricordi avesse delle sue case d’infanzia, rispose subito che gli anni trascorsi lì non portavano bei ricordi o momenti particolarmente felici.
La prima casa, quella in cui era cresciuta fino ai 5 anni, non aveva mai rappresentato per lei un luogo che la faceva sentire protetta, “a casa”.

Con alcuni test abbiamo verificato che la sensazione di mancanza di protezione era ancora precedente all’epoca vissuta in quella casa: risaliva infatti al periodo della gestazione. Il grembo materno, il luogo della protezione, dell’amore incondizionato per definizione, non aveva potuto offrire a Claudia quella sicurezza così importante che solo la nostra “prima casa fisica” in questa vita ci può offrire.
Superato questo primo ostacolo le chiesi quale fosse il suo rapporto con la sua seconda casa, quella in cui la sua mamma tuttora abitava. La risposta fu che non si sentiva a suo agio, che le visite a sua mamma erano sempre veloci perché in quella casa non stava bene.
Facemmo un lavoro veloce per migliorare il suo rapporto con quella casa. Le chiesi di comunicarmi l’esito di questo lavoro in seguito alla sua prima visita in quella casa dopo la nostra sessione. L’esito fu positivo, mi disse che era più in pace con quella casa e che il disagio era molto diminuito.

Passammo dunque alla sua terza casa. La sua terza casa era quella che fino a quel momento le aveva offerto il massimo di ciò che poteva chiedere: era perfetta. Purtroppo però per ragioni di lavoro aveva dovuto lasciarla in fretta e furia per trasferirsi nella casa nella quale risiedeva al momento del nostro colloquio.
Il problema emerso fu che l’atto di lasciare l’immobile avvenne con una tale velocità che Claudia non ebbe nemmeno la possibilità di salutare la sua casa, e ringraziarla per ciò che le aveva consentito di fare.
Le consigliai dunque di tornare a trovare la sua vecchia casa per salutarla con calma e ringraziarla.
Così fece, e si sentì subito meglio.

Risolto questi nodi fondamentali abbiamo lavorato per “definire” le caratteristiche della sua casa ideale.
Claudia desiderava innanzitutto una casa che la facesse sentire protetta e amata. Un luogo in cui potesse con facilità trovare armonia con se stessa. Luminosa, tranquilla, vicino ad un parco e all’ufficio.
Abbiamo lavorato affinché questa realtà si manifestasse presto.


Dopo poche settimane Claudia mi ha fatto sapere di avere trovato la casa perfetta: esattamente ciò che cercava, anzi anche oltre alle sue aspettative.

 

Prima di firmare il contratto di affitto abbiamo comunque fatto una verifica “a distanza” con l’obiettivo di testare se fosse in totale armonia con ogni ambiente della casa, e se ogni ambiente fosse in grado di darle ciò che lei chiedeva.
La relazione tra Claudia ed alcune stanze era da migliorare, ed abbiamo provveduto, facendo alcuni semplicissimi esercizi. Abbiamo al termine verificato la completa sintonia tra Claudia e la sua nuova casa, prima ancora che entrasse ad abitarvi.

Il percorso fatto con Claudia mi ha dato conferma di quanto sia importante, quando si cerca casa:

  • analizzare il rapporto con tutte le nostre ”case” passate;

  • verificare che la casa in cui abbiamo intenzione di andare ad abitare ci possa offrire il massimo non solo da un punto di vista estetico e funzionale, ma anche energetico.

Tuttavia quando si riscontrano difficoltà a trovare casa, le cause potrebbero essere anche molte altre.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Cerca per tag